Le criptovalute: cosa sono e come funzionano

Una criptovaluta è una valuta digitale o virtuale progettata per funzionare come mezzo di scambio. Questa valuta utilizza una crittografia per proteggere e verificare le transazioni e per le controllare la creazione di nuove unità di una particolare criptovaluta.

In sostanza, le criptovalute sono voci limitate in un database che nessuno può cambiare, a meno che non vengano soddisfatte determinate caratteristiche. Le criptovalute sono chiamate in questo modo poiché il processo di mantenimento del consenso di una tranasazione è assicurato con una forte crittografia.

Come funzionano le criptovalute

Uno dei problemi più importanti che un metodo di pagamento deve affrontare è la doppia spesa, una tecnica fraudolenta di spendere la stessa quantità due volte. Anni fa, la soluzione più rapida a questo problema era l’utilizzo di un server centrale che conteneva un registro con tutte le transazioni e tutti i saldi. L’aspetto negativo di questo metodo è il controllo che ha sui fondi dell’utente e di tutti i suoi dati. In una rete di criptovaluta come il Bitcon, ogni utente svolge questo lavoro tramite il Blockchain, un libro mastro che contiene tutte le transazioni mai avvenute all’interno della rete e che sono visibili da tutti. Ogni trasazione è un file composto da diverse chiavi pubbliche del mittente e del destinatario e dalle quantità di monete trasferite. Le transazioni vengono firmate dal mittente con la sua chiave privata, viene confermata ed infine trasmessa nella rete. All’interno di una reta di una criptovaluta, solo i miners possono confermare le trasazioni: le prendono, le contrassegnano come legittime e le diffondono attraverso la rete. Una volta confermata, la transazione diventa irreversibilie ed ogni miner ottiene una ricompensa dalla spesa della transazione avvenuta.

Cosa si può fare con le criptovalute

Al giorno d’oggi esistono parecchi commercianti che accettano le criptovalute come forma di pagamento. I Bitcoin possono essere utilizzati per pagare hotel, voli, alberghi e molte altre cose. Apple ha autorizzato almeno 10 diverse criptovalute come forma di pagamento praticabile su App Store. Di seguito troverai ulteriori informazioni su cosa si può fare con le cripstovalute.

Investire

Come spiegato sul sito Criptovaluta.it, moltissime persone riescono ad ottenere ottimi guadagni grazie agli investimenti con le criptovalute come, ad esempio, i Bitcoin. Tuttavia, bisogna notare che gli investimenti con le criptovalute sono ad alto rischio poiché il loro valore di mercato cambia frequentemente. Le criptovalute non sono regolamentate e c’è sempre il rischio che vengano messe fuori legge in alcune giurisdizioni. Una volta che acquisti la tua criptovaluta, devi poi archiviarla utilizzando un servizio di portafoglio per conservarla al meglio e per avere il pieno controllo delle tue risorse.

Mining

I miners sono la parte più importante di una qualsiasi rete di cripstovaluta e proprio come il trading, l’attività di mining è un investimento. I miners forniscono un servizio di contabilità e risolvono complicati problemi crittografici, necessari per confermare una transazione e registrarla sul libro mastro (Blockchain). L’attività di mining può essere eseguite tramite un pc fisso o un pc portatile abbastanza potente e soprattutto tramite hardware di data mining che però comportano grandi costi di elettricità. Una volta che un miner risolve un problema crittografico, riceve una ricompensa ed una commissione di transazione.

Accettare pagamenti (per i commercianti)

Se sei proprietario di un’attività commerciale e stai cercando potenziali nuovi clienti, accettare le criptovalute come metodo di pagamento potrebbe essere la soluzione che fa per te. Negli ultimi anni, l’interesse per le criptovalute è altissimo ed è destinato ad aumentare con il passare del tempo. Fai sapere ai tuoi clienti che accetti monete crittografiche. Per farlo metti un avviso sul ricevitore di cassa. I pagamenti possono essere accettati utilizzando terminali, applicazioni o semplici indirizzi di portafoglio tramite i codici QR.

Puoi leggere anche:

Lascia un commento