Caduta dei capelli in gravidanza: cosa fare?

Il periodo della gravidanza, può essere rischioso per la salute dei capelli, infatti, nei nove mesi che precedono la nascita del bimbo/a, la donna vive un periodo di intensi cambiamenti ormonali. La gestazione porta non solo delle variazioni evidenti nel corpo della donna, ma anche all’interno dell’ organismo, ancora prima del concepimento, accadono importanti alterazioni, dovute sopratutto dai mutamenti ormonali.

Gli ormoni che in gravidanza influiscono sui capelli

Tra gli ormoni chiamati in causa vi sono:

  • il progesterone che prepara il giusto ambiente uterino per la gravidanza, riducendo la contrattilità dell’ utero.
  • Gli estrogeni, che favoriscono l’ ingrossamento dell’ utero e sono anche la causa del cambiamento della lucentezza degli occhi e della lucidità dei capelli della gestante. Infatti, in assenza di particolari problemi, che successivamente vedremo, la gravidanza è uno dei periodi in cui la donna ha i capelli più belli e luminosi.
  • Successivamente, tra gli ormoni nella gravidanza c’ è la prolattina, che ha la funzione di stimolare la produzione di latte e di impedire una possibile altra gravidanza all’inizio dell’ allattamento.
  • Inoltre le prostaglandine che, durante il travaglio, stimolano le contrazioni ed ammorbidiscono il collo dell’ utero. La suddetta influenza ormonale generalmente stimola e favorisce una chioma folta e lucente ma, in situazioni di forte stress dovuto ad una gravidanza difficile, a fattori emotivi, a complicazioni, a patologie, o a eventi particolarmente dolorosi per la gestante, possono portare alla perdita dei capelli.

Anche alcune carenze alimentari, come mancanze di minerali e di vitamine possono dare adito all’indebolimento e alla caduta dei capelli delle gestanti. I capelli hanno un proprio ciclo vitale che normalmente è composto di tre fasi; durante il periodo della gravidanza queste fasi potrebbero essere alterate.

Leggi anche: Come prevenire la caduta dei capelli

I capelli e il loro ciclo di vita

Dunque, vediamo quali sono le fasi del ciclo vitale dei capelli:

  • Anagen: questo è il nome della prima fase del ciclo vitale dei capelli, è il momento in cui il capello si forma e cresce. Questa fase è diversa da persona a persona e può avere una durata variabile
  • Catagen: è la fase in cui il capello rallenta progressivamente la sua crescita. Questa fase ha la durata di circa due settimane.
  • Telogen: è la fase di riposo dei capelli, ha la durata di circa tre, quattro mesi e termina con la caduta del capello. Dopo questa terza e ultima fase, il follicolo ricomincia il suo ciclo di crescita.

Rimedi per contrastare la caduta dei capelli in gravidanza

Per evitare la perdita dei capelli durante la gravidanza è necessario tenere alcuni accorgimenti,vediamo quali sono:

  1. Lavare i capelli con uno shampoo delicato e non troppo frequentemente, può essere consigliabile fare due shampoo durante la settimana.
  2. Evitare di usare tinture che, oltre ad indebolire i capelli e il cuoio capelluto, con i loro agenti chimici possono risultare tossiche per mamma e bambino.
  3. Usare spazzole e pettini non troppo duri, è consigliabile acquistare spazzole e pettini fatti di fibra naturale, che risultano più morbidi e meno aggressivi quando si spazzolano i capelli. Anche l’ utilizzo dell’ asciugacapelli deve essere ridotto, si possono asciugare i capelli naturalmente all’ aria o al sole.
  4. Se la gestante frequenta regolarmente una piscina è importante che si protegga i capelli con una cuffia o con prodotti naturali che proteggono il cuoio capelluto; il cloro presente nelle piscine, può indebolire e portare alla caduta dei capelli. Anche al mare, proteggere il cuoio capelluto e i capelli dalla salsedine, che può provocare anch’essa l’ indebolimento e la caduta.
  5. Preferire una dieta ricca di ferro, vitamina C ed E, omega 3 e proteine. Dunque mangiare molta frutta e verdura a foglia verde, pesce azzurro, cereali integrali, mandorle, miglio.
  6. Bere molta acqua, idrata l’ organismo ma anche il cuoio capelluto e i capelli, l’ idratazione favorisce l’assorbimento del nutrimento delle cellule dei follicoli.
  7. Massaggiare regolarmente il cuoio capelluto, oltre a portare calma e rilassamento alla gestante, e dunque rilasciare possibile stress, aiuta a migliorare la circolazione sanguigna del cuoio capelluto e in questo modo, aumenta l’ assorbimento di ossigeno e di nutrimenti delle cellule follicolari.

I rimedi naturali

Vediamo ora alcuni rimedi naturali per contrastare la caduta dei capelli, in particolar modo durante la gravidanza; questi posso essere acquistati in erboristerie, farmacie specializzate e parafarmacie.

Trattamento Staminalvita

Il trattamento più usato per la caduta dei capelli in gravidanza, ma anche nel periodo post gravidanza, è il Staminalvita, specificatamente studiato per problemi di cadute ingenti e diradamenti importanti, dà ottimi risultati già alle prime applicazioni. Con il proseguire del trattamento, si noterà una normalizzazione della produzione sebacea e un miglioramento generale della capigliatura; i capelli appariranno più spessi e pigmentati. Gli ingredienti di cui è composto Staminalvita sono: cellule staminali vegetali estratte dalla mela che hanno effetto nutriente, il Biotinoyl tripeptide che rinforza l’ancoraggio del capello, l’ estratto di peperoncino che stimola il microcircolo, la caffeina che contrasta sulla pelle l’azione del testosterone nella miniaturizzazione del follicolo; glicina, proteina delle mandorle dolci e calcio pantotenato, che hanno effetto lenitivo e rigenerante per la cute.

Il rimedio della nonna: lievito di birra

Un vecchio rimedio per contrastare la caduta dei capelli in gravidanza, tramandato dalle nonne, è il lievito di birra. Si è riscontrato che un cucchiaio di lievito di birra al mattino, sciolto in un bicchiere d’ acqua, aiuta a combattere la caduta dei capelli. Questo perché il lievito di birra contiene Biotina e Niacina che stimolano la circolazione sanguigna del cuoio capelluto.

Zenzero, tisane e condimento

Lo zenzero regolarmente usato in tisane o come spezia nei piatti giornalieri, aiuta alla stimolazione della circolazione del cuoio capelluto e al rinforzamento dei capelli.

Aceto di mele e succo di Aloe

Prima dello shampo frizionare e lasciare agire per almeno mezz’ora sul cuoio capelluto e sui capelli
dell’ aceto di mele e/o del succo di aloe, aiuta a rinforzarsi.

Semi di fieno greco

Si lasciano in immersione in acqua per otto, dieci ore, quando si sono ammorbiditi, si scolano, poi si frullano e si ottiene un composto da applicare un’ ora prima dello shampo. Questo rimedio naturale è ottimo anche per contrastare la forfora.

Amla

L’ AMLA deriva da una pianta di origine indiana, la PYLLANTHUS EMBLICA, per il preparato acquistare l’ estratto in polvere della pianta, oppure esistono in commercio maschere di Amla per i capelli già preparate e solo da applicare. Possono essere acquistate in erboristeria oppure on line.

Avocado

L’ avocado rinforza ed idrata il cuoio capelluto e i capelli attraverso le sostanze contenute in esso. Per usarlo sui capelli è necessario frullare la polpa di un avocado maturo e applicarla sui capelli mezz’ ora prima dello shampo.

Succo d’arancia e polpa di mela

Frullare la buccia e la polpa dell’ arancia e unire la polpa della mela. Il composto ottenuto si può usare prima dello shampo, idrata e rinforza i capelli.

Olio d’oliva o olio di cocco

Prima dello shampo massaggiare il cuoio capelluto con olio d’oliva o in alternativa olio di cocco; entrambe questi oli stimolano l’idratazione e il nutrimento dei capelli e del cuoio capelluto, per cui aiutano a rinforzarlo e dopo lo shampo i capelli saranno piu lucidi e splendenti. ( è importante che l’olio sia biologico)

Semi di lino

In un pentolino versare due cucchiai di semi di lino e aggiungere 250 ml di acqua, portare ad ebollizione e lasciare riposare per tutta la notte. Al mattino filtrare e aggiungere qualche cucchiaio di un olio naturale ( oliva, cocco, mandorle…). Usare al momento l’ impacco sui capelli (questo composto non può essere conservato).

Leggi anche: Gli alimenti contro la caduta dei capelli

Omeopatia

L’omeopatia è uno dei rimedi più utilizzati, soprattutto per la sua assenza di controindicazioni e conseguenze fisiche, nello specifico, il rimedio omeopatico consigliato, per la caduta dei capelli in gravidanza, è il Natrum Muriatilum. È consigliabile però, prima di assumerlo chiedere consiglio al medico omeopata, sia per quanto riguarda la metodologia di utilizzo, sia per comprendere se sia realmente necessario per i propri capelli.

Anche se i consigli sopracitati sono per lo più rimedi naturali e dunque, in generale, non hanno controindicazioni, in gravidanza è sempre meglio chiedere consiglio al proprio medico di base, prima di usare qualsiasi sostanza.

Puoi leggere anche:

Lascia un commento