I migliori tablet per chi ha più di 60 anni

I tablet possono svolgere le funzioni di un computer portatile, e sono comodo da poter portare ovunque, viste le loro dimensioni ridotte. Ma quali sono quelli più adatti agli anziani?

Quali sono le caratteristiche che deve avere un tablet per gli anziani?

Può sembrare curioso, ma il tablet può essere uno strumento di prevenzione per la depressione che può colpire un anziano, soprattutto se vive da solo. Come il normale computer, può stimolare la persona che lo utilizza e, grazie ad internet, si può comunicare con più persone. Basta solo pensare anche ai giochi e alle app da poter installare.

Tuttavia, bisogna saper scegliere quelli giusti, e le caratteristiche più comuni che devono presentare, sono:

  • uno schermo da dieci pollici, con una risoluzione che si aggiri attorno ai 1280×800, in modo che chi lo usa non debba sforzare la vista;
  • una RAM ampia;
  • una camera frontale, che permette di effettuare delle videochiamate.

Alcuni dispositivi sono semplici da usare, per chi ha poca dimestichezza con essa. Senza contare, che molti anziani si iscrivono a corsi d’informatica, promossi da associazioni, Regioni o Comuni.

I migliori tablet in commercio

Tra i tablet migliori, adatti a chi ha più di sessant’anni, si possono elencare:

  • il Memo Touch, che permette anche una navigazione in internet più sicura, e grazie al quale si può condividere le gestioni delle app. Sembra anche che per questo dispositivo sia stata realizzata un app da usare per supportare l’assunzione di alcuni farmaci;
  • il GrandPad, prodotto dalla Acer, è ha un interfaccia intuitiva ed è pratico, grazie al suo materiale audio-visivo. Con questo tablet, si possono condividere delle foto scattate in tempo reale;
  • l’Amazon Kindle Fire HD 8, dotato della risoluzione adatta, che si può acquistare al prezzo di ottanta euro;
  • il Samsung Galaxy Note 10.1, adatto per chi ama leggere ed ascoltare musica, ha una buona sonorità e l’applicazione Skype già installata, ma non ha nessuna applicazione di Google Maps;
  • il Samsung Galaxy Tab S3, da 9,7 pollici e con un profilo sottile, e la cui qualità dello schermo è sorprendente;
  • l’Asina Tablet per anziani, utile per chi ha bisogno di assistenze, e può permettere all’utente di chiamare la famiglia, il medico o altri fornitori di servizi, e che permette di organizzare meglio i contatti;
  • il ‘facilotab Tablet Touch 10, il cui schermo è di una risoluzione di 1024×600, dotato di molteplici applicazioni, come i messaggi, l’agenda, l’album di fotografie, etc;
  • il Sannuo Tablet da 10,1 Android 7.0, dotato di doppia fotocamera, ed il vantaggio di fare delle videochiamate ai propri cari alleviando (secondo le recensioni) lo stress ed aumentare le motivazioni;
  • l’Apple iPad mini 4, il cui prezzo si aggira attorno ai 350 euro, facile da gestire, soprattutto per chi ha problemi di artrite, che grazie alle sue dimensioni ridotte si può tenere per periodi di tempo più lunghi.

Se possibile, è meglio preferire dei tablet che non superino il prezzo di quattrocento euro, e che non abbia un numero eccessivo di funzionalità.

Le applicazioni migliori da installare sui tablet

Oltre a scegliere il tablet giusto, si deve optare per le interfacce adatte, ovvero i laucher, da poter installare, e tra queste, le migliori sono:

  • il Wiser Launcher, che evidenzia sei importante funzioni, facili da riconoscere;
  • il Necta Launcher, in grado di sfruttare al massimo il display;
  • il Big Launcher, capace di riportare nella schermata iniziale anche i pulsanti e i contatti per le emergenze;
  • il Large Launcher Senior Phone;
  • il Simple Senior Phone, che rende le icone della schermata iniziale più grandi, e contrassegna in primo piano i contatti.

Puoi leggere anche:

Lascia un commento