Taglia Puntarelle tapù: a casa o al ristorante lo strumento ideale per tante ricette

Le verdure sono spesso protagoniste dei nostri piatti, e non solo in estate. Primi, secondi e contorni: grazie alle verdure è possibile sbizzarrirsi e creare delle combinazioni saporite e gustose. Se si hanno gli strumenti idonei per prepararle, poi, è ancora meglio. Vediamo di seguito le caratteristiche del taglia puntarelle tapù (uno degli strumenti più utilizzati quando si preparano le verdure) ed un suo esempio pratico di utilizzo.

Il taglia puntarelle: cos’è e come si utilizza

Come abbiamo detto, tra gli strumenti più utilizzati in cucina durante la preparazione delle verdure vi è di sicuro il taglia puntarelle. In commercio ve ne sono molti, a seconda dell’utilizzo, ad esempio, c’è questo taglia puntarelle, molto usato nel mondo della ristorazione, in quanto permette di tagliare le verdure in modo facile, preciso e senza fatica. In particolare, il taglia puntarelle tapù si può definire uno strumento eccellente per tagliare le puntarelle alla romana, ma anche per preparare tantissime altre verdure, come le zucchine a fette, aglio, ravanelli, carote e sedano.

Si tratta di un prodotto artigianale costruito da un artigiano romano e che rispetta appieno la tradizione, ideale sia a casa che al ristorante per preparare le verdure in modo velocissimo e renderle perfette ed esteticamente gradevoli.

Questo strumento nasce per la preparazione delle famosissime puntarelle alla romana, un piatto tradizionale della Capitale che si prepara ancora oggi con questo metodo tipico, ma come già accennato, è ideale anche per la preparazione di altri tipi di verdura, come zucchine, aglio, e molto altro, questo perchè, grazie ai suoi fili d’acciaio, riesce ad effettuare un taglio estremamente preciso, ideale per eseguire tutte le ricette alla perfezione. Spingendo semplicemente l’alimento da una parte all’altra dello strumento si ottengono dei fili assolutamente perfetti.

Esempio di utilizzo del Taglia Puntarelle tapù: le puntarelle alla romana

Dopo aver visto le caratteristiche e come si utilizza questo strumento, vediamo un uso pratico del taglia puntarelle tapù nella realizzazione delle puntarelle alla romana. Si tratta di un contorno tipico della cucina romana, un’insalata che in genere viene preparata durante i mesi estivi; l’insalata di puntarelle viene condita con un pesto molto saporito, e il risultato è un piatto fresco e croccante. Le puntarelle altro non sono che i germogli della cicoria catalogna.

Per preparare le puntarelle bisogna innanzitutto tagliarle in modo che siano perfettamente sottili. Lo strumento Taglia Puntarelle tapù ci serve proprio a questo, per ottenere un taglio assolutamente impeccabile. In un mortaio, nel frattempo, mettete dell’aglio a pezzi assieme a qualche acciuga, all’olio ed all’aceto. Pestate per bene il tutto: dovete ottenere un composto cremoso.

Se necessario, aggiungete olio, e prima di aggiungere sale assaggiate perché le acciughe potrebbero aver già salato a sufficienza la salsa. Le puntarelle vanno invece immerse in abbondante acqua ghiacciata subito dopo essere state tagliate. Vanno lasciate a mollo per almeno un’oretta, dopo di che trasferitele in un piatto dopo averle scolate per bene dall’acqua e conditele con l’emulsione che avete preparato nel mortaio.

Potete gustare le vostre puntarelle, e non dimenticate di sperimentare gli altri mille usi di questo strumento che vi permetterà di ottenere un taglio preciso senza usare il coltello.

Puoi leggere anche:

Lascia un commento