Consigli per cucinare con il forno a microonde

Una delle metodologie di cottura più utilizzate in cucina è quella al microonde. Per questo motivo abbiamo pensato di realizzare questo articolo in cui potete trovare una serie di consigli per realizzare le vostre ricette per cominciare a sperimentare il tipo di cottura che a nostro avviso risulta tra i più facili in assoluto, ma, in alcuni casi, può rivelarsi una pericolosa arma a doppio taglio.

Cosa è possibile cuocere con il forno a microonde?

Il forno a microonde, diversamente da quello classico, permette di cucinare quasi tutti i cibi, tranne i fritti e le uova con il guscio. Quindi, è possibile preparare antipasti, soffritti, salse e sughi, minestre, carni, pollame, pesci, verdure, uova, formaggi, dolci, frutta e bevande.

Andiamo a vedere, passo passo, tutte queste tipologie di cibo che è preparabile mediante l’utilizzo del microonde:

Gli antipasti, i soffritti e i sughi al microonde

Iniziamo la nostra analisi, tenendo in considerazione sia i tempi di cottura, sia le modalità di conservazione degli alimenti:

  • Gli antipasti, se cotti nel modo giusto, vengono in modo meraviglioso, soprattutto quelli caldi a base di verdura, uova e formaggio. Fra questi molti si possono preparare e cuocere in precedenza, conservarli nel freezer e scaldarli solo al momento di servire.
  • I soffritti, anche se può sembrare molto strano, molto usati nella cucina italiana, ma ahimè non facili da digerire, se vengono realizzati nel forno a microonde risultano saporiti e leggeri.
  • sughi e le salse quando cucinati nel forno, non appiccicano al fondo del contenitore e non devono essere rimescolati. E’ meglio cuocerli in contenitori che risultino bassi e larghi, senza coperchio, mettendo del sale poco nel momento in cui si inizia la cottura, così che le verdure perdano più velocemente l’acqua.

Cucinare le minestre, le verdure e la carne al microonde

Continuiamo a vedere le varie tipologie di alimenti e la loro resa al microonde:

  • Per quanto riguarda la cottura delle minestre asciutte a base di pasta e riso cambia poco rispetto a quella della cottura tradizionale; il vantaggio del microonde è individuabile soprattutto per il fatto che il mantenimento del gusto e l’integrità della nutrizionale degli alimenti resta nel tempo.
  • Le verdure fresche vanno cotte utilizzando poca acqua, perchè le onde del forno sfruttano quella contenuta in esse; così facendo rimangono inalterate le proprietà nutritive delle verdure, il loro sapore ed inoltre il loro colore.
  • Le carni che vengono cotte attraverso l’utilizzo del forno a microonde rimpiccioliscono il volume meno di quelle cotte tradizionalmente, hanno necessità di un minore quantitativo di condimento e devono essere coperte in quanto altrimenti non diventano morbide, on quanto così  facendo si evita la disidratazione che le renderebbe asciutte e stoppacciose.
  • Per quanto riguarda gli arrosti risultano più buoni nel caso in cui vengono prima marinati con olio, vino ed erbe. Così facendo la doratura esterna sarà possibile in seguito eseguire la cottura sul fuoco, o nel forno tradizionale o con l’aiuto del piatto grill.
  • Le bistecche e le cotolette hanno la necessità di cuocere sul piatto grill all’interno del forno preriscaldato, togliendo le pellicine, affinché non resti la curvatura durante la cottura.
  • Il pollame, il coniglio e la cacciagione vengono molto teneri se cotti attraverso il microonde: è importante però considerare che la doratura esterna dovrà essere fatta in seguito mediante i metodi tradizionali.

Pesce, uova e formaggi: la migliore cottura al forno microonde

Passiamo ora a quelli che sono gli alimenti che richiedono una cottura un pò più delicata:

  • I pesci, i crostacei ed i frutti di mare possono essere cotti utilizzando il forno a microonde, a meno che non si voglia mangiarli fritti; effettuando una cottura veloce è possibile ottenere un risultato che li renda morbidi e saporiti. È molto importante ricordare il concetto che riguarda i crostacei, ossia che devono essere cotti all’interno del loro guscio, mettendo il coperchio sul il contenitore.
  • Le uova necessitano quasi sempre di essere cotte in maniera rapida poiché risultano molto delicate. È evidente che non è assolutamente consigliato realizzare le uova sode ed “alla coque”, in quanto la velocità di cottura, nella maggior parte dei casi, ne provocherebbe la rottura. Le tipologie di cottura che consigliamo riguardo le uova sono: all’occhio di bue, in camicia, oppure strapazzate.
  • Per quanto riguarda i formaggi sappiamo tutti che per cuocerli bastano pochi secondi, in quanto sono delicati e quindi il rischio sarebbe quello di farli diventare durissimi e quindi immangiabili. Uno degli utilizzi migliori del formaggio a microonde è quello delle fondute, che se realizzate nel modo corretto, risultano strepitose.

I dolci e le bevande al microonde: conviene farli?

Nonostante sembri strano, anche i dolci e le bevande possono essere realizzati al microonde, vediamo quindi come fare:

  • I dolci, come le torte, si possono cuocere mediante l’utilizzo del microonde ponendo molta attenzione al fatto che non siano ad alta lievitazione, inoltre sono da evitare tutte quelle tipologie di dolci che risultano a base di pasta frolla e sfoglia.
    Per riuscire ad avere una doratura come si ottiene attraverso l’utilizzo del forno tradizionale, è possibile mediante l’utilizzo della tecnica di imburrare la teglia, riempirla di pezzettini di biscotti secchi e solo in seguito metterci quel che abbiamo intenzione di cuocere.
  • I budini e le creme hanno una cottura che generalmente avviene in modo uguale su tutti i lati con una velocità notevolmente più elevata. Non attaccando al fondo e non dovendo rimescolare sarà possibile semplicemente girando il contenitore arrivati alla metà della cottura, tirandoli fuori dal microonde. A questo punto sarà necessario notare se il centro è ancora morbido, visto che la diventerà solido durante il periodo in cui si raffredda.
  • Infine, per quanto concerne le bevande è possibile realizzarle in una tempistica molto breve, infatti saranno necessari un po di caffè, cioccolata, camomilla, limone ed il gioco è fatto. Il nostro consiglio per velocizzare i tempi è quello di utilizzare acqua già calda e di utlizzare dei bicchieri monodose, che potranno essere facilmente serviti in tavola.

Come adattare le ricette per la cottura al microonde

Dopo aver visto quali sono gli alimenti che è possibile cuocere con il forno a microonde, passiamo ad analizzare la modalità per riadattare le ricette classiche a questa tipologia di cottura. Di seguito trovate i nostri consigli:

  • Diminuire il tempo di cottura dei cibi di circa il 50-70%.
  • Rimuovere il cibo poco prima della totale cottura in quanto continueranno a cuocere da soli anche dopo essere stati rimossi dal forno a microonde.
  • Un consiglio importante è di usare meno liquidi rispetto al forno tradizionale, in quanto il tempo di cottura è nettamente inferiore, quindi si ritiene giusta una diminuzione di circa un quarto rispetto al normale. 
  • Cercare di attuare una politica di diminuzione, e se possibile di eliminazione, dei grassi in quanto vengono sfruttati dalle onde del forno.
  • È consigliata la riduzione dell’utilizzo degli aromi che il forno esalta, questo perché a fine cottura evita il fatto che il cibo venga troppo profumato.
  • Mettere il sale solo dopo che il cibo è pronto permettere che avvenga la disidratazione. Inoltre, andrebbe diminuito il più possibile il quantitativo di sale, perchè il forno a microonde inibisce la dispersione dei sali minerali.
  • Risulta importante l’utilizzo di contenitori con coperchio, affinché non venga mai utilizzato l’alluminio per coprire i prodotti. Inoltre, utilizzando il coperchio è possibile anche andare a diminuire il tempo di cottura evitando di sporcare le pareti interne del forno.
  • Ricordarsi di girare ogni po di tempo il contenitore affinché si ottenga una cottura uniforme.
  • Utilizzate, per girare il cibo, solamente posate in legno, evitando di usare quelle di metallo.
  • Nel caso in cui si desideri ottenere la superficie dorata si consiglia si terminare la cottura con il sistema tradizionale.

Dunque, dopo questa analisi approfondita su tutte le tipologie di alimenti che possono essere cotti al microonde e su come riadattare le ricette tradizionali, non ci resta che augurarvi una buona sperimentazione in questo ambito molto interessante della cucina!

Lascia un commento