Come organizzare il trasloco di una grande azienda

Se organizzare il trasloco per un’abitazione è fonte di stress e necessita di molta pianificazione, effettuarlo per un’azienda, soprattutto di grandi dimensioni, potrebbe risultare un lavoro molto complesso da affrontare, soprattutto nel caso in cui non si hanno a mente, perfettamente, tutte le azioni da svolgere.

In una casa abbiamo la visuale completa di quelli che sono i nostri mobili ed oggetti, mentre in un’azienda le varie ed eventuali sono molteplici. Se un titolare decide di trasferirsi in un nuovo stabilimento, bisogna organizzarsi per il trasloco nel miglior modo possibile e con largo anticipo.

Certi aspetti, se non valutati e preparati per tempo, possono creare gravi danni alla produttività dell’azienda, con un margine di rischio di perdita elevato; tutto deve essere pianificato dettagliatamente e preparato per tempo, soprattutto per la ripresa nel nuovo sito, al fine di non dover perdere troppi giorni di lavoro.

Gli step da affrontare nel trasloco di una grande azienda

Come accennato, il primo step da considerare è la necessità di non dover fermare l’attività produttiva per un periodo di tempo prolungato, concentrando al massimo le azioni da dover intraprendere, senza creare disservizi all’azienda stessa e nemmeno ai clienti. Le azioni da intraprendere sono, nell’ordine:

  • Verificare i nuovi spazi, valutando se gli arredi esistenti possano essere compatibili con dimensioni ed altezze del nuovo stablimento. Macchine ed utensili devono avere un accesso per l’alimentazione e che i solai e pavimentazioni, siano adatti al peso di eventuali cassaforti o macchinari con pesi superiori al normale.
  • Anticipare ogni tipo di comunicazione alle utenze come luce, gas, internet, acqua, telefono. Avendo a disposizione un largo margine di tempo, per non dover attendere l’allacciamento nel nuovo sito a trasloco avvenuto.
  • Effettuare la previsione per lo spostamento dei server, senza compromettere salvataggi del giorno.
  • Verificare in anticipo quali sono i faldoni di documentazione che possono essere inscatolati, senza che possano essere di necessità immediata. Sopra ogni scatolone, ricordarsi sempre di segnare il tipo di documentazione o in quale ufficio/area sono destinati.

Una volta pianificati questi passaggi, sarà necessario contattare alcune Ditte di traslochi e verificare – in base al budget – quale possa essere la migliore. Effettuare più sopralluoghi, con la ditta specializzata, sia nel sito “vecchio” che in quello nuovo, pianificando al meglio ogni dettaglio del trasloco. Se si tratta di grandi stabilimenti, i tempi possono essere molto più lunghi di quanto si pensi. Muoversi sempre per tempo e svolgere ogni tipo di azione insieme alla ditta di traslochi, comprendendo i servizi aggiuntivi che possono rendersi necessari.

Saranno gli stessi professionisti del settore a garantire un lavoro veloce e di qualità, ma come per ogni cosa gli intoppi ci sono e bisogna avere il piano b, deciso in precedenza. Valutate anche se l’inscatolamento dei documenti possa essere effettuato dagli impiegati o possa essere fatto dalla ditta dei traslochi, così come il smontaggio e rimontaggio dei mobili.

Lascia un commento