Art 186 cds: cosa prevede in caso di guida sotto l’effetto di alcool

L’articolo 186 del Codice della Strada, riporta il divieto di guidare sotto l’effetto dell’alcool e le sanzioni in cui si incorre se si viola tale divieto. Per saperne di più, si può continuare a leggere questa pagina.

Le sanzioni previste

Sembra superfluo dire guidare sotto l’ebrezza dell’alcool e di stupefacenti è illegale, e può sfociare in una vera e propria causa penale. Il Codice della Strada, nelle specifico, prevede che chi guida dopo aver bevuto può:

  • incorrere in una sanzione amministrativa, pagando una multa che va dai 544 ai 2174 euro e la sospensione della patente di guida per un periodo che va dai tre ai sei mesi, se il tasso alcolemico è compreso tra gli 0,5 e gli 0,8 grammi per litro;
  • un ammenda dagli 800 ai 3200 euro e l’arresto fino ai sei mesi, se il tasso alcolemico supera gli 0,8 ed è inferiore a 1,5 grammi per litro;
  • l’arresto da sei mesi a un anno ed un ammenda da 1500 a 6000 euro, se il tasso alcolemico supera l’1,5 grammi per libro.

Ci sono, tuttavia, ulteriori sanzioni a seconda dei casi. Ad esempio, se il conducente in stato di ebrezza provoca un incidente stradale, le pene appena descritte sono raddoppiate e vi è un fermo amministrativo dei veicolo per tre mesi, a meno che il suddetto mezzo non sia di proprietà di una persona estranea al reato.

Quando diventa un reato penale

Questa trasgressione al Codice della Strada diventa reato quando il guidatore ha un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro. Tuttavia, l’arresto può essere commutato in lavori socialmente utili, di cui un giorno di arresto equivale ad uno di lavoro. Se tale lavoro è svolto in maniera corretta, il reato è dichiarato estinto, si può revocare il sequestro del veicolo e viene ridotta anche la durata della sospensione della patente.

Se il conducente, nel corso dell’incidente, uccide qualcuno, questo si può definire omicidio stradale, ed in questo caso lo stato di ubriachezza diventa un aggravante, e la pena può aumentare dagli otto ai dodici anni di reclusione, e forse anche fino ai diciotto, se sono coinvolte più persone, oltre alla revoca della patente.

Puoi leggere anche:

Scrollando questa pagina ed utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra, se vuoi sapere come disattivare i cookie o per maggiori info clicca qui: maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi